Connect with us

Ufo e Alieni

Una troupe televisiva nel 2002 scompare in Antartide. Cosa avevano scoperto?

Haran

Published

on

loading...
loading…


 
La scomparsa da Novembre del 2002 di una troupe di una TV californiana ed un video che hanno lasciato riguardo una missione degli US Navy SEALs, sono gli elementi chiave di una storia in cui si sostiene che vaste rovine sono state trovate sotto lo spesso ghiaccio dell’Antartide.
Questo, secondo l’archeologo e avventuriero Jonathan Gray di World Education Research Ltd nella sua newsletter gratuita di Archaeology News Flash. (http://beforeus.com/):
 Un portavoce della società ha riferito che: “Il governo degli Stati Uniti ha detto che cercherà di bloccare la messa in onda del video trovato dai soccorritori della Marina in Antartide in cui, molto probabilmente, viene rivelato che è in corso un imponente scavo archeologico due miglia (3.200 metri ) sotto il ghiaccio.”
“La troupe televisiva di AtlantisTV Productions, che ha girato il video, è ancora mancante”, riferisce Gray.

Gli avvocati della AtlantisTV, con sede a Beverly Hills, hanno sottolineato che: “la principale preoccupazione della società, è per la sicurezza e il benessere dell’equipaggio”.

Inoltre, hanno detto che: “si sarebbero energicamente opposti contro qualsiasi tentativo di censurare materiale che è chiaramente di interesse e di dominio pubblico”.

“Il continente di ghiaccio dell’Antartide”, hanno sottolineato,“non appartiene a nessuna nazione. L’America non ha alcuna giurisdizione lì”.

“Questo video è di proprietà di AtlantisTV”, ha detto un portavoce della società, “Lo abbiamo girato noi. È nostro. E non appena saranno giustamente ripristinati i nostri diritti, il video andrà in onda. Fine della storia.”

I funzionari della US Naval Support Task Force in Antartide, hanno prevedibilmente negato la storia o il possesso di qualsiasi video girato dalla troupe scomparsa di AtlantisTV.

By Alton Parrish (Reporter)

Almeno quattro youtuber pensano che ci possano essere delle città perdute sul continente Antartico.

Un team di ricercatori sostiene di aver scoperto tre antiche piramidi coperte di ghiaccio sul continente Antartico. Dettagli esatti sono abbozzati, ma il team ha pubblicato tre immagini intriganti della loro scoperta. secondo Stephen Hannard ADGUK

Il team internazionale è composto da ricercatori provenienti dagli Stati Uniti e molti altri da diversi paesi europei. Due delle grandi strutture piramidali sono state trovate a circa 10 chilometri verso l’interno, la terza, non lontano dalla costa, ben visibile dal mare.

Il team sta attualmente progettando una spedizione per raggiungere una delle piramidi per scoprire se si tratta di una struttura naturale o artificiale. Ulteriori dettagli sono stati riportati dal team a partire dal 29 agosto 2012. Altre notizie sono in attesa di essere rivelate.

Come sempre siete voi che decidete.

Esploratore internazionale, archeologo e autore, Jonathan Gray ha viaggiato intorno al mondo per raccogliere i dati sui misteri antichi. Nel corso degli ultimi 37 anni, è penetrato in aree in gran parte inesplorate, incluse parti delle sorgenti di Amazon. Ha anche condotto spedizioni sul fondo del mare e verso le più remote regioni montane e desertiche del mondo.

Nel corso delle sue esplorazioni, Jonathan ha cominciato a scoprire prove di sorprendenti artefatti fuori luogo e fuori tempo. Secondo quanto ci è stato insegnato a scuola, essi semplicemente non dovrebbero esistere! E non erano solo anomalie isolate. Esiste un modello mondiale che li ingloba, suggerendo l’esistenza di un’antica civiltà di proporzioni sorprendenti.

Jonathan Gray, su Coast To Coast AM, ha sostenuto che: “visto che tali artefatti non corrispondono alle attuali convinzioni accademiche, spesso vengono soppressi, distrutti o nascosti”, citando il Smithsonian Institution e paesi come il Perù, America, Israele, Nuova Zelanda, Francia e Australia come nazioni coinvolte nell’insabbiamento di prove.

In questo blog abbiamo già parlato delle piramidi in Antartide. Quello che volevo far notare è l’esistenza della Princess Elisabeth Antarctica Station (www.antarcticstation.org/), proprio accanto ad alcune piramidi. Mi piacerebbe sapere cosa succede nell’area sotterranea di quella zona.

fonte

loading...
Advertisement
loading...
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ufo e Alieni

Misterioso velivolo viene fotografato durante una trasmissione in diretta dalla Stazione Spaziale Internazionale

Haran

Published

on

By

loading...

Una ricercatrice UFO anonima ha inviato alcune immagini molto interessanti di un misterioso velivolo allo YouTuber e cacciatore di anomalie MrMBB333. Le fotografie inviate dalla donna sembrano mostrare una capsula spaziale di qualche tipo che fluttua nel cielo.  Sotto questa capsula è visibile una catena montuosa di qualche tipo ma la posizione geografica esatta non è conosciuta, come anche il cognome della donna, che comunque dichiara che il suo nome è Charity.

Charity haa catturato questa foto della trasmissione in diretta della Stazione Spaziale Internazionale, ma all’inizio non si rendeva conto di ciò che sembra essere un’entità aliena in piedi in quella che sembra una porta di qualche tipo. Forse questa entità aliena era in una sorta di missione esplorativa, dice Charity. È davvero strano e non assomiglia a niente visto prima.

 

Le persone non sono state lente nel speculare su cosa può essere, alcuni dei commenti sono:

“Deve essere uno degli Anunnaki” – “Qualcosa di demoniaco in natura.” Alcuni ricercatori UFO si sono chiesti cosa potrebbe essere quell’oggetto misteriosa che fluttua nell’atmosfera terrestre. Alcuni dicono che questo velivolo non è altro che una capsula spaziale terrestre di qualche tipo che ancora noi non conosciamo. Anche se sembra strano, dovremmo confermare la posizione, dal momento che potrebbe anche essere appunto una capsula spaziale terrestre che non aveva nulla a che fare con gli extraterrestri. Per ora non ci sono più informazioni, solo che l’immagine è stata catturata 1 anno fa. Cosa ne pensate?

Via Segnidalcielo

loading...
Continue Reading

Ufo e Alieni

Scienziati scoprono che Oumuamua non è né cometa né asteroide. Si tratta di una sonda Extraterrestre?

Haran

Published

on

By

loading...

La presunta roccia interstellare ‘Oumuamua’ che molti definiscono una sonda extraterrestre, è sfuggito dal sistema solare, lasciando molta confusione tra gli scienziati. Le prime misurazioni sembravano indicare che si trattava di un asteroide, una roccia secca molto simile a quelle che si trovano in orbita tra Marte e Giove.

Poi, la scorsa estate, gli astronomi giunsero alla conclusione che si trattava di una cometa, un corpo ghiacciato espulso dalle lontane distanze di un lontano sistema planetario. Ma tuttavia, sembra che non si tratti di questo. Se non è un asteroide o una cometa, di cosa si tratta?

Ora, una nuova analisi ha trovato incongruenze in questa conclusione, suggerendo che “Oumuamua” potrebbe non essere una cometa dopo tutto. Una cosa è chiara: ‘Oumuamua non assomiglia a nulla che tu abbia mai visto prima. L’oggetto extraterrestre è stato scoperto per la prima volta un anno fa da scienziati con il telescopio Pan-STARRS alle Hawaii. ‘Oumuamua (una parola hawaiana che significa’ esploratore ‘) sembrava essere un asteroide roccioso e allungato all’inizio della sua scoperta, un sigaro o un sigaro cosmico.

Altri astronomi si unirono rapidamente alla caccia, misurando tutto ciò che potevano. Una squadra anche orientato i  radiotelescopi su di esso per verificare se potesse trasmettere trasmissioni extraterrestri. Ma dopo i rilievi sulle trasmissioni, non è stato rilevato nulla. Lo scorso dicembre, un gruppo di astronomi ha pubblicato lo spettro elettromagnetico di Oumuamua, spettro che può essere usato per dimostrare ciò che un oggetto è fatto, da cosa è composto.

Alcuni ricercatori credono che l’oggetto spaziale alieno Oumuamua, provenga dall’ammasso stellare delle Pleiadi

I ricercatori hanno scoperto che alcuni frammenti di ghiaccio simili a quelle di materiale organico visto nelle comete di passaggio nel nostro sistema solare,  si nascondeva appena sotto la superficie di ‘Oumuamua’. Quel ghiaccio avrebbe potuto sopravvivere a un lungo viaggio interstellare.

Hanno anche assistito alla rotazione di ‘Oumuamua. Molti asteroidi tendono a ruotare attorno al loro asse. ‘Oumuamua, d’altra parte, era in caduta libera. Pochi mesi dopo, un’altra analisi sul misterioso oggetto alieno,  trovò che “Oumuamua non era attratta dalla potente gravità del Sole. Invece, veniva leggermente accelerato da una forza invimisteriosa. Ma gli scienziati non sapendo come giustificare questa forza invisibile, argomentavano che poteva essere attribuita solo al “degassamento” della cometa che agisce da propellente. Con queste informazioni aggiuntive, il caso sembrava essere chiuso. “L’asteroide interstellare è in realtà una cometa”, ha detto il capo di un comunicato stampa pubblicato dall’Agenzia spaziale europea ESA.

La spiegazione sembrava adattarsi a ciò che sappiamo del nostro sistema solare. Nelle lontane contrade oltre Nettuno, innumerevoli comete orbitano attorno al nostro sole. Ogni volta che una di queste comete si avvicina troppo a un pianeta, potrebbe essere espulsa nella galassia. Tuttavia, le comete hanno la coda. E ‘Oumuamua, se in realtà era fatto di roccia ghiacciata e spinto da getti di gas mentre attraversava il Sole, avrebbe dovuto esibire una coda che avrebbe risolto la questione della sua origine. Tuttavia, nessuna coda è mai stata trovata.

Se Oumuamua non è un asteroide e nè un na cometa, allora di cosa si tratta? Ricercatori sono convinti che si tratti di una sonda extraterrestre che ha anche accelerato dirigendosi fuori dal sistema solare

I ricercatori hanno cercato di identificare il sistema stellare in cui ‘Oumuamua ha avuto origine analizzando i nuovi dati di lancio del Gaia Space Telescope. Forse proviene da un sistema stellare binario o da un sistema con un pianeta gigante, ognuno dei quali potrebbe aver gettato l’oggetto nello spazio interstellare.

E anche se ‘Oumuamua fu il primo visitatore al di fuori del sistema solare, gli astronomi avranno presto molto da risolvere. Stime indicano che il Large Synoptic Survey Telescope , programmato per vedere la sua “prima luce” nel 2021 in Cile, potrebbe trovare molti di questi oggetti all’anno per un decennio.

Fonte: Segnidalcielo

loading...
Continue Reading

Ufo e Alieni

Astronomo dilettante britannico registra un UFO che sorvola la Luna. Il Video!

Haran

Published

on

By

loading...

Uno skywatcher britannico, o meglio, un astronomo dilettante, pensa di aver individuato un UFO che sorvola la luna, e ora i teorici della cospirazione affermano che potrebbe essere un velivolo segreto nascosto dalla NASA.

Il video mostra il momento in cui Jason Callum puntava il telescopio sulla superficie lunare per vedere meglio i crateri.  Ma quello che ha scoperto mentre osservava la Luna, lo ha lasciato di stucco.

La clip, catturata da Jason che vive nella città  di Bracknell, Berkshire, mostra un piccolo oggetto nero che si fa strada attraverso lo schermo, che vola da desgtra verso sinistra.  Jason ha tentato di seguire il suo viaggio ma, una volta che la luce della luna era sparita, era impossibile rintracciare, appunto perchè l’UFO era di colore nero.

Gli ufologia da parte loro hanno detto che si tratta di un velivolo alieno di tipo discoidale che stava sorvolando lo spazio tra la Terra e la Luna. Molto spesso gli astronomi e gli Skywatcher osservano e registrano molti oggetti sconosciuti che sorvolano la Luna. Rammentiamo che nel mese di Settembre l’astrofilo Bill Bryson ha registrato una flotta UFO che attraversava la Luna. Bill Bryson afferma che non è insolito per lui vedere oggetti simili a quelli avvistati,  almeno 14 oggetti che volano chiaramente in formazione, è molto insolito.

Via Segnidalcielo

loading...
Continue Reading
loading...

Trending