Instabilità Sismica sulla Terra: L’Anello di Fuoco del Pacifico si sta riscaldando! Terremoto colpisce la Nuova Zelanda dopo sisma mortale a Città del Messico


loading...
loading…



Forti terremoti si stanno manifestando lungo la Ring of Fire, ovvero l’Anello di Fuoco dell’Oceano Pacifico. Un terremoto di magnitudo 6,1 ha colpito la Nuova Zelanda martedì sera, poche ore dopo che il terremoto mortale M7.1 ha ucciso centinaia e centinaia di persone in Messico.

Ma è ancora presto per fare una stima precisa delle vittime e dei danni materiali, ma il sisma che ha colpito il Messico nella notte del 19 settembre 2017 si candida a essere uno dei peggiori di sempre nella storia del Paese del Centro America. A far disperare gli abitanti della zona e gli spettatori internazionali, del resto, non è solo l’elevato numero di morti finora conteggiati (217, di cui 21 bambini di una scuola elementare), né la magnitudo molto alta (7,1), bensì anche l’inquietante coincidenza di date con uno dei terremoti più distruttivi del recente passato del Messico, quello del 19 Settembre 1985, in cui si contarono ben 10 mila cadaveri.


Esattamente 32 anni prima, infatti, il 19 settembre dell’85 un sisma di magnitudo 8,2 rase al suolo la capitale, ferendo in totale più di 30 mila persone oltre alle 10 mila che perirono sotto le macerie. L’epicentro era situato a 350 chilometri al largo della costa del Pacifico, lungo la placca di Cocos, collegata con l’Anello di Fuoco del Pacifico.

Scienziati dicono che il primo sisma potente di M. 8.2 avvenuto l’8 Settembre, abbia smosso il sistema di faglie del Pacifico collegate con la California e potrebbe far risvegliare molti dei vulcani e super-vulcani, come ad esempio Yellowstone.

Ne avevamo già parlato in altri articoli su Segnidalcielo.it, l‘Anello di Fuoco (Ring of Fire) si sta riscaldando con 37 vulcani in eruzione contemporaneamente e altri ancora stanno mostrando segni di maggiore agitazione sismica. Qual è il prossimo che salterà in aria?

Aumento dell’instabilità sismica del pianeta!!

Continuano ad arrivare notizie di forti scosse di terremoto da tutti gli angoli del pianeta e gli scienziati non fanno altro che osservare un aumento della instabilità sismica globale. L’intensità media delle scosse si aggira tra i 6 -7 gradi di magnitudo e questo non è poco. Cosa sta generando questo continuo movimento tellurico? La causa delle scosse è interno al pianeta (instabilità del nucleo), oppure esterno (influenza gravitazionale di qualche corpo celeste, attività solare, disastri umani)?.

earthquake ring of fire september 2017, ring of fire heating up, Two powerful earthquakes hit the Ring of fire on September 19 and September 20 2017

I geologi non sanno più cosa pensare, non sanno più dare una giustificazione plausibile a questa instabilità sismica che è in forte aumento. Una recente scoperta inquietante arriva da un team di scienziati della King College di Londra e l’Australian National University, che hanno scoperto il più grande piano di  faglia tettonica del mondo.

Risultati immagini per earthquake

Le faglie sono fratture nella crosta terrestre che, quando si muovono, possono provocare terremoti di varia intensità. Quella appena osservata si trova sotto il mar di Banda, in Indonesia orientale (a nord dell’Australia), all’interno dell’Anello di Fuoco, ossia quella fascia che fa da perimetro all’Oceano Pacifico, dove si verifica il 90% dei terremoti e si trova la maggior parte dei vulcani attivi.

La gente comincia a innervosirsi, come se avesse la sensazione che qualcosa di grosso stia per accadere. L’attività sismica è in rapida crescita in tutto il mondo,  soprattutto lungo la cintura o anello di fuoco (ring of fire) è evidente e anche la Nuova Zelanda comincia  aballare di nuovo.

Risultati immagini per earthquake mexico 19 se

Un terremoto di magnitudo 6,1 ha colpito la Nuova Zelanda martedì  19 Settembre, poche ore dopo che il terremoto mortale M7.1 ha colpito il Messico. Il sisma ha percorso 256 km a Ovest di Auckland Island, Nuova Zelanda, il 20 settembre 2017 . Questo è stato il secondo terremoto potente entro 7 ore sulla zona “Ring of Fire” nell’Oceano Pacifico registrato dai sismografi a una profondità bassissima di 10 km, ed è stato registrato a 211 km a ovest dell’isola Sub-Antartica di Auckland, fuori l’Isola del sud della Nuova Zelanda. Non ci sono stati avvisi di tsunami subito dopo il terremoto. Di seguito alcune terribili immagini del sisma che ha colpito Città del Messico il 19 Settembre. Dopo il terremoto anche il Vulcano messicano Popocatepetl ha eruttato nuovamente.

 Articolo tratto da Segnidalcielo

loading...

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More From: Eventi estremi

DON'T MISS